Formazione e imprenditoria in dialogo per la study visit di CREATOR a Roma

postato in: Eventi, News | 0

Dal 26 al 28 Novembre 2018 CIAPE e ilmiofuturo hanno animato un percorso esperienziale ricco di incontri legati dal fil rouge dell’apprendimento sul posto di lavoro e della cooperazione tra i mondi della formazione e delle imprese. Sono stati docenti di istituti professionali provenienti da Germania, Slovenia, Croazia, Romania e Italia a prendere parte alle numerose visite di studio, organizzate nell’ambito del progetto Erasmus+ CREATOR.

La mobilità è stata inaugurata lunedì 26 presso la sede di Junior Achievement Italia, con un laboratorio che ha preso in esame le preferenze, ambizioni ed esigenze dei giovani, ai fini dell’elaborazione di programmi didattici in materia di educazione imprenditoriale. E’ emerso come molto spesso le idee imprenditoriali dei ragazzi siano figlie di principi quali utilità, inclusione e solidarietà. Allo stesso modo, appare centrale l’aggiornamento delle competenze degli insegnanti affinché il potenziale formativo dei corsi risulti realmente efficace.

Martedì, la giornata ha preso avvio con una mattinata trascorsa da Portafuturo, dove è emersa l’importanza di iniziare a ragionare con gli studenti già negli ultimi anni della scuola superiore rispetto ai trend del mercato del lavoro, preparandoli a realizzare un buon CV e a familiarizzare con le normative che regolano il rapporto con le imprese. Il valore aggiunto di Portafuturo consiste da anni nella capacità di collocamento a livello nazionale, oltre che regionale, e nell’organizzazione di career e recruitment days, durante i quali un gruppo profilato di studenti viene messo in contatto con le imprese che propongono vacancy. Tra le professioni più richieste: ingegneria informatica e robotica da un lato, e artigianato specializzato dall’altro.

Il martedì pomeriggio è stata la volta di un arricchente itinerario attraverso i principali settori di attività del CIES Onlus – Centro Informazione Educazione allo Sviluppo, nato nel 1983 dall’intento di contrastare il razzismo attraverso l’organizzazione di percorsi di formazione, mediazione interculturale e cooperazione internazionale. Nel 2010 prende piede nel quartiere Esquilino di Roma il Centro di aggregazione giovanile MaTeMù del CIES, che ad otto anni di distanza continua ad essere punto di incontro, di crescita artistica e culturale in un ambiente non formale, ma anche di ascolto, aiuto e orientamento socio-professionale per ragazze e ragazzi di tutte le culture e provenienze. Tra il 2015 e il 2016 vengono avviati lo Spazio di Orientamento alla Formazione e al Lavoro (SOFeL) e il corso di formazione in gastronomia interculturale MaTeChef, che ispirerà, due anni più tardi, la nascita del ristorante-impresa sociale Altrove – Porte aperte sul mondo: luogo di transito o di approdo per tanti giovani professionisti, affezionati clienti… e per i nostri insegnanti.

Accompagnata dall’associazione Euphoria, la tre giorni di studio e confronto si è conclusa ad Ostia, presso l’Istituto Tecnico Industriale “Michael Faraday”, dove l’ente ospitante ha condiviso con i presenti alcune esperienze di rilievo in materia di progetti Erasmus+ KA1 cui hanno preso parte i propri discenti, mettendo in risalto le preziose competenze e abilità acquisite dagli studenti durante i traineeship all’estero. I docenti del Faraday hanno descritto le modalità di recruiting da parte delle aziende presenti sul territorio e delle modalità scelte dalla scuola per l’instaurazione di contatti di collaborazione con la realtà imprenditoriale locale. Importante momento di confronto ha riguardato l’obbligatorietà (o meno) delle esperienze professionali per gli studenti, contestualizzando l’analisi all’interno dei paesi di origine dei partecipanti. La visita dei locali del FabLab dell’Istituto ha destato grande interesse tra i partecipanti, i quali hanno condiviso l’esigenza di replicare esperienze simili nel contesto dei rispettivi istituti, al fine di avviare i giovani alla formazione on the job e di potenziare, attraverso un approccio esperienziale, abilità e competenze.


Scarica ora le foto della study visit!